TANINO CINCOTTA

Tanino Cincotta nasce a Santa Marina di Salina (Isole Eolie), nel 1961. Pur vivendo a Varese dal 1974 torna sempre nella sua isola per lunghi periodi. Qui trasforma la cultura isolana di recupero in un progetto artistico che i francesi chiamano Objet trouvé.
Con il suo zaino in spalla potete incontrarlo nelle ore più strane dall’alba al tramonto e nei posti inaspettati intento a fotografare (la sua prima e grande passione soprannominato L’Occhio di Salina dal regista tedesco Rolf Silber) o alla ricerca di materiale rigettato dal mare che ama trasformare con sapienza e creatività in poetiche barchette o pesci fantastici: ritratti ironici o surreali, ognuno con la propria fisionomia (tonno, alice, scorfano, pesce luna, palamita ecc).

Ha esposto i suoi lavori a Salina, Castiglione Olona (Va), Roma, Montecchio Maggiore(Vi), Messina, Siracusa.

5/18
Pesce realizzato in tecnica mista con materiali di recupero cm 72x16
11/18
Pesce realizzato in tecnica mista con materiali di recupero cm 48x40
13/18
Pesce realizzato in tecnica mista con materiali di recupero cm 155x43
25/18
Pesce realizzato in tecnica mista con materiali di recupero cm 92x23
39/18
Pesce realizzato in tecnica mista con materiali di recupero cm 90x24
40/18
Pesce realizzato in tecnica mista con materiali di recupero cm 89x21
41/18
Pesce realizzato in tecnica mista con materiali di recupero cm 65x15
CAPODOGLIO
Pesce realizzato in tecnica mista con materiali di recupero cm 230x80
8/18
Pesce realizzato in tecnica mista con materiali di recupero cm 90x10
26/18
Testa di pesce spada incorniciata realizzata in legno cm 80x50 circa